Rischio rivalsa Inail da Covid 19 per il datore di lavoro

Rischio rivalsa Inail da Covid 19 per il datore di lavoro

Rischio rivalsa Inail da Covid 19 per il datore di lavoro

La rivalsa Inail per Covid 19 è sicuramente una grave preoccupazione per tutti gli imprenditori italiani: è quindi fondamentale cercare di fare chiarezza e con questa convinzione vogliamo fornire alcuni spunti di riflessione concreti soprattutto alla luce delle ultime precisazioni INAIL in materia.

Responsabilità del datore di lavoro in ambito Covid 19

Per quanto riguarda la responsabilità del datore di lavoro per Covid 19, a metà maggio 2020 l’Istituto ha precisato che ‘dal riconoscimento del contagio come infortunio sul lavoro non deriva automaticamente una responsabilità del datore di lavoro’. Inoltre, ha segnalato, sempre in riferimento alla rivalsa Inail per Covid 19, che ‘ai fini del riconoscimento della responsabilità del datore di lavoro è sempre necessario l’accertamento della colpa nella determinazione dell’infortunio, come il mancato rispetto della normativa a tutela della salute e della sicurezza’.
Da questo si deduce che la rivalsa Inail da Covid 19 dovrebbe diventare attuativa solo nel momento in cui venissero rilevate mancanze nell’osservanza delle prescrizioni di sicurezza richieste dalle linee guida governative. In un mondo ideale questo avrebbe risolto molte difficolta ma nella realtà, purtroppo, le cose non stanno esattamente così.

Infortunio sul lavoro Covid 19

La responsabilità del datore di lavoro per l’adeguamento Covid 19 della sua attività comprende l’adozione e la messa in pratica di tutti i provvedimenti relativi non solo alle leggi in vigore in materia di sicurezza del lavoro ma anche ai numerosi protocolli espressamente redatti per l’emergenza.
Questi, oltre ad essere continuamente aggiornati e modificati, riportano spesso direttive poco chiare e che offrono la possibilità di essere interpretate in modi diversi a seconda dei punti di vista. Da questa precarietà nasce la possibilità che, pur agendo nella totale buona fede e dotando l’ambiente di lavoro e i propri dipendenti di tutti i dispositivi e i protocolli necessari, l’imprenditore si trovi nell’impossibilità nel caso di un infortunio sul lavoro dovuto al Covid 19 di dimostrare il proprio corretto operato.
Le leggi italiane anche ai fini della rivalsa Inail per Covid 19 prevedono il cosidetto ‘principio della presunzione di innocenza’ che è un diritto fondamentale ma non elimina la possibilità di venire comunque chiamati a giudizio e di dover utilizzare anche risorse ingenti per affrontare la propria difesa.

Rivalsa Inail per Covid 19: nuove prospettive

Nelle ultime settimane, sempre nella ricerca di una tutela sulla rivalsa Inail da Covid 19, si sono fatte alcune ipotesi di tutela rifacendosi a procedure già in atto come quelle già in essere in materia di GDPR e basate sul principio di accountability (che lascia al soggetto la responsabilità di dimostrare il valore del suo operato in un determinato ambito): una soluzione definitiva e convincente, però, sembra essere ancora lontana e difficilmente applicabile alle diverse realtà coinvolte.
Vista la situazione, il pericolo di una rivalsa Inail potrebbe essere scongiurato dal ricorso a una assicurazione covid 19 per datore di lavoro che possa garantire la continuità della ripresa del lavoro e la serenità necessaria all’imprenditore per guidare la sua azienda in questo momento estremamente difficile.
Z.F. Assicurazioni offre soluzioni assicurative ideali perché basate sulla consulenza, l’analisi dei rischi e l’assistenza nel tempo. Per scoprire le proposte legate alla rivalsa Inail contatta l’agenzia anche via mail a info@zfassicurazioni.it.