I requisiti per aprire un agriturismo: come farlo in sicurezza

I requisiti per aprire un agriturismo: come farlo in sicurezza

I requisiti per aprire un agriturismo: come farlo in sicurezza

Per aprire un agriturismo, la prima cosa da sapere è in che cosa consiste esattamente questa attività e come si differenzia dalle altre strutture ricettive.

Che cosa è un agriturismo

Un agriturismo è un’attività di ricezione e ospitalità che è gestita da imprenditori agricoli all’interno della loro azienda. I dipendenti possono essere assunti a tempo indeterminato, determinato o parziale e possono includere anche i familiari del proprietario. Se fino a qualche tempo fa la ricezione avveniva in locali molto semplici e ricavati spesso da alloggi interni agli edifici aziendali, adesso l’accoglienza si è molto alzata di livello offrendo ogni comfort e numerosi servizi.

Aprire un agriturismo: requisiti

Sicuramente questa nuova idea di turismo ha grandi potenzialità: ma se stai pensando ‘bello l’agriturismo, ma come aprire?’, allora ecco alcuni dei requisiti fondamentali per aprire un agriturismo.

  • Partita iva: essendo l’agriturismo un’attività a carattere imprenditoriale, deve avere una Partita IVA
  • Iscrizione al registro delle imprese: questa va eseguita presso la Camera di Commercio di competenza (che fornisce anche tutta la documentazione necessaria)
  • Apertura di un conto fiscale: questo è un conto ‘virtuale’ che registra debiti e crediti con l’Agenzia delle entrate (versamenti e crediti relativi alle imposte sui redditi, imposte sostitutive, etc…)
  • Iscrizione al Registro Regionale degli Operatori Agrituristici: questo è uno dei requisiti più importanti per aprire un agriturismo dal momento che ogni regione ha le sue regolamentazioni specifiche per disciplinare l’attività agrituristica
  • Richiesta di autorizzazione allo svolgimento dell’attività: questa deve essere richiesta al proprio comune di appartenenza e varia a seconda delle località. Alcuni comuni richiedono anche la compilazione della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA).

Ma per aprire in sicurezza un agriturismo è necessario anche iscriversi all’INPS e INAIL, munirsi di libretto di idoneità sanitaria, pagare la tassa dei rifiuti, iscriversi alle associazioni di categoria e individuare l’assicurazione per l’agriturismo più idonea in base alla complessità della struttura e al numero di ospiti massimo.
Bisognerà inoltre richiedere le autorizzazioni al comune per insegne e cartelli, ai vigili del fuoco per l’agibilità e alle autorità sanitaria per avere il libretto sanitario.

Aprire un agriturismo: aspetti normativi

E per quanto riguarda l’aspetto normativo che un imprenditore deve conoscere per aprire un agriturismo? Ovviamente questo argomento va studiato con estrema accuratezza: un buon punto di partenza, comunque, è la legge 96/2006 (Disciplina dell’agriturismo) che, tra le tante finalità, ha soprattutto quella di promozione del territorio e dello sviluppo rurale.

Questa legge, però, trasferisce numerose competenze e responsabilità alle regioni ed è quindi importante conoscere bene tutte le declinazioni esistenti per quanto riguarda il proprio territorio di competenza. In breve, le principali materie che sono competenza regionale sono le comunicazioni dei periodi di apertura e le tariffe, le norme igienico-sanitarie, i criteri e i limiti che caratterizzano l’attività agrituristica e l’abilitazione e disciplina fiscale.

Aprire un agriturismo è sicuramente un bel progetto e può rappresentare una nuova prospettiva: come tutte le cose, però, richiede molta attenzione soprattutto per quanto riguarda la corretta interpretazione e applicazione della parte normativa e per la scelta della giusta soluzione assicurativa.

Essere coperti per eventuali incidenti, danni recati dagli ospiti oppure eventi non previsti, infatti, regala la giusta serenità per affrontare nel modo giusto il progetto di aprire un agriturismo: richiedi oggi ai nostri esperti le soluzioni tagliate su misura per aprire il ‘tuo’ agriturismo.