Fondo vittime della strada.

Fondo vittime della strada.

Fondo vittime della strada.

Cosa succede in caso di incidente con un veicolo non assicurato o non identificato? A farsi carico del risarcimento è il fondo vittime della strada, vediamo come funziona e cosa devi sapere.

Il fondo vittime della strada è un fondo di garanzia che tutela automobilisti e pedoni in caso di incidente con un veicolo senza assicurazione o con un pirata della strada. Ma come funziona il fondo e in quali casi copre il risarcimento del danno?

A tal proposito ZF Assicurazioni di Conegliano, all’interno dell’RCA può comprendere risarcimento danni subiti da veicoli assicurati, mentre per i danni fisici possono esserci integrazioni con copertura infortuni. Se vuoi avere informazioni sulle coperture aggiuntive sulla tua assicurazione auto contattaci, verificheremo insieme la tua polizza per capire cosa possibile inserire.

Ma non divaghiamo oltre e scopriamo cos’è il fondo vittime della strada.

Cos’è il fondo vittime della strada.

Il fondo vittime della strada è stato istituito nel 1969 ed è attivo dal 1971. La sua funzione è quella di garantire un risarcimento per i danni subiti da cose o persone in seguito a un incidente per il quale non ci si può rivalere sulla compagnia assicurativa del responsabile.

Il fondo è gestito dalla Consap, sotto la vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico. La dotazione del fondo si alimenta tramite un prelievo percentuale sui premi versati dagli automobilisti assicurati. Attualmente il fondo riceve il 2,5% dell’importo dei premi assicurativi pagati alle compagnie. Quindi ciascuno di noi, quando rinnova la sua assicurazione auto, verso un contributo per questo fondo.

Se vuoi avere conferma puoi chiedere ai nostri consulenti assicurativi in Agenzia a Conegliano, saranno felici di spiegare quanto e come si contribuisce alla gestione del fondo.

C’è un problema però, negli ultimi anni la diminuzione dei premi assicurativi e l’aumento degli incidenti per i quali è dovuto intervenire il fondo di garanzia per le vittime della strada ha fatto diminuire di molto le riserve. Tanto che è circolata l’ipotesi di aumentare il prelievo sui premi assicurativi fino al 4%.

Quando interviene il fondo per le vittime della strada.

Il fondo di garanzia per le vittime della strada copre i danni alle persone e i danni alle cose. Il codice delle assicurazioni elenca i sei tipi di sinistri nei quali interviene il fondo:

  • sinistri con veicoli non identificati: è il tipico caso di incidenti causati da pirati della strada. In questo caso sono coperti i danni alle persone e i danni alle cose per la parte che supera la franchigia di 500 euro;
  • sinistri con veicoli non assicurati: anche in questo caso il fondo copre i danni alle persone e i danni alle cose per la quota che eccede la franchigia di 500 euro;
  • sinistri con veicoli assicurati presso una compagnia soggetta a liquidazione coatta amministrativa;
  • veicoli rubati o comunque circolanti contro la volontà del proprietario;
  • veicoli spediti in Italia da uno Stato dello spazio economico europeo, per gli incidenti avvenuti entro 30 giorni dalla data di accettazione della consegna;
  • veicoli stranieri con targa che non corrisponde al mezzo.

Come si può chiedere il risarcimento al fondo vittime della strada.

Per chiedere il risarcimento al fondo vittime della strada dovete consultare il sito della CONSAP, nella sezione Servizi, alla voce Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada troverete tutte le casistiche illustrate sopra, selezionate quella che coincide con la vostra e procedete con quanto indicato nelle istruzioni.

I danni a persone o a cose vengono rimborsati nei limiti del massimale fissato dalla legge. Attualmente il massimale è di:

  • 6.070.000 euro per i danni alle persone;
  • 1.220.000 euro per i danni alle cose.

Il risarcimento va richiesto alla impresa designata competente, che viene indicata all’interno del modulo di richiesta in base alla regione di accadimento del sinistro. Una copia della richiesta di risarcimento va inviata anche alla Consap.

Oltre a spiegare la dinamica dell’incidente, la richiesta di risarcimento dovrà contenere tutti i documenti che provano il danno subito: a seconda dei casi potrebbero essere richiesti il verbale dell’incidente redatto dalle forze dell’ordine, la denuncia di furto dell’auto da parte del proprietario, la dichiarazione delle forze dell’ordine che dimostri l’assenza di una copertura assicurativa, il referto rilasciato al pronto soccorso oppure la querela presentata contro i pirati della strada.

La compagnia designata ha 60 giorni di tempo per analizzare la richiesta di risarcimento e per:

  • presentare un’offerta di risarcimento;
  • rifiutare la richiesta, spiegandone i motivi.

Soltanto nel caso di incidente con un veicolo assicurato presso una compagnia sottoposta a liquidazione coatta amministrativa, il termine per l’analisi della richiesta di risarcimento sale a 6 mesi.

Sebbene si speri sempre che non succeda, noi consulenti assicurativi, come già detto poco sopra, consigliamo di pensare alla tua protezione, quella dei tuoi cari e dei tuoi beni, senza aspettare che qualcosa accade, ma assicurati a prescindere per essere sereno ed affrontare gli avvenimenti con il supporto e la tutela che ti servono.