Guida con il cellulare: cosa dice il Codice della Strada?

Guida con il cellulare: cosa dice il Codice della Strada?

Guida con il cellulare: cosa dice il Codice della Strada?

Il Codice della Strada parla chiaro: l’uso del cellulare mentre si guida non è consentito.

La distrazione è la principale causa di incidente. All’origine, c’è sempre l’uso inappropriato degli smartphone e tre incidenti su quattro sono dovuti a distrazione.

La sanzione prevista per chi trasgredisce questo divieto è quella di un pagamento di una somma compresa tra i 160 e i 646 euro; si applica altresì la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre mesi, qualora lo stesso soggetto compia un ulteriore violazione nel corso di un biennio. E’ sempre prevista la decurtazione di cinque punti della patente.

Chattare, scattare o guardare selfie e altre immagini significa perdere da uno a quattro secondi. Quando siamo al volante, un solo secondo a 50 all’ora vuol dire 15 metri di perdita totale di controllo della strada. Quattro secondi sono più di 60 metri ed in 60 metri può accadere di tutto.

La tecnologia nei nuovi smartphone e nelle nuove autovetture consente di adoperare il telefonino lasciando le mani libere di guidare, collegando il dispositivo all’impianto bluetooth dell’autovettura o utilizzando un dispositivo auricolare.

Durante la marcia, quindi, lo smartphone deve essere riposto in posizione sicura e fissa e, se utilizzato come navigatore satellitare, deve essere agganciato all’apposito supporto, che non deve ostruire la visuale del conducente.

E’ obbligatorio, quindi, resistere alla tentazione di chattare o usare altre applicazioni mentre si guida.

Non rischiare, #mollastotelefono!